I conti che non tornano

Tria, Savona, Di Maio e Salvini ma anche Conte e Borghi che spegne i microfoni altrui.

Le principali dichiarazioni degli ultimi giorni per capire che aria tira nel governo e, soprattutto, nel paese.

Se lo spread sale a 400, che ne sarà di noi? C'è chi si espone e chi tergiversa, chi da i numeri e chi, invece, li rinnega.

I conti che non tornano
Ci sono ministri di questo governo che parlano molto, a volte troppo, inutile negarlo. Complici i social network sempre connessi, nelle loro mani stringono una mitragliatrice caricata a dichiarazioni che non hanno remore di usare contro tutto e tutti.Un martellamento continuo, incessante e spesso contraddittorio a cui non vogliamo prendere parte, ci limiteremo a commentare le principali.Paolo Savona«Se ci sfugge lo spread la manovra deve cambiare — dichiara il ministro per gli affari europei — Tria fa un lavoro...

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.