Essere in Europa è un valore

Si è costruita e si è stratificata «una narrazione popolare per la quale essere in Europa è un minus». Lo ha denunciato Matteo Bracciali, responsabile del Dipartimento internazionale delle Acli, intervenendo all’incontro “Valore lavoro”, organizzato dal Coordinamento Donne delle Acli presso l’Ufficio in Italia del Parlamento europeo.

Essere in Europa è un valore
Per Bracciali è necessario reagire con “un contro-racconto”: «se prima l’Europa era un dato di fatto, un patrimonio, oggi – ha rilevato – i ragazzi si vergognano a dire di essere europeisti». Secondo il responsabile del Dipartimento internazionale delle Acli,«se raccontiamo l’Unione Europea come un fascio di numeri, non convinciamo nessuno, mentre occorre ricordare che essa è una forza critica all’economia, che garantisce i diritti di tutti».È urgente dunque «provare a raccontare quello che potremmo essere...

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.