Lista nera sul riciclaggio. Il Parlamento la vuole

La Commissione europea ha proposto di inserire 23 paesi nella lista nera degli Stati ad alto rischio di agevolare il riciclaggio di denaro sporco perché la loro legislazione antiriciclaggio è carente e l’obiettivo dell'elenco è proteggere il sistema finanziario dell'UE prevenendo meglio i rischi di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo. 

Gli Stati membri però hanno sostenuto che il processo di aggiornamento dell'elenco fosse poco chiaro e potenzialmente vulnerabile alle azioni legali e si sono rifiutati di includere i 23 Paesi nell’aggiornamento della lista nera dell’UE.

Gli eurodeputati di fronte alla decisione del Consiglio hanno espresso preoccupazione e chiedono di non  mischiare la politica con la lotta al riciclaggio di denaro sporco.

Lista nera sul riciclaggio. Il Parlamento la vuole
I Paesi inseriti nella lista nera dalla Commissione europea sono: Afghanistan, Etiopia, Iran, Iraq, Corea del Nord, Pakistan, Sri Lanka, Siria, Trinidad e Tobago, Tunisia e Yemen, tutti già inclusi nell'elenco dell'UE, con l'aggiunta di Samoa, Bahamas, Botswana, Ghana, Guam, Libia, Nigeria, Panama, Porto Rico, Samoa, Arabia Saudita e Isole Vergini americane. Questi Paesi sono stati proposti dalla Commissione, in quanto la loro legislazione antiriciclaggio è carente e l’obiettivo dell'elenco è proteggere il sistema...

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.