Gli psicologi di strada: "La gente è più sola ed è aumentata l'aggressività"

L'analisi di Laura Baccaro, presidente dell'associazione "Psicologo di strada" di Padova. “Mentre in passato si rivolgevano a noi quasi esclusivamente persone senza dimora o in condizione di povertà importante, ora si è ampliato lo spettro delle persone che sentono di non farcela più da sole”. In calo i casi di stalking

Gli psicologi di strada: "La gente è più sola ed è aumentata l'aggressività"

PADOVA - "La gente è più sola ed è aumentata l'aggressività. Negli ultimi anni è diventata trasversale la povertà economica: mentre in passato si rivolgevano a noi quasi esclusivamente persone senza dimora o in condizione di povertà importante, ora si è ampliato lo spettro delle persone che sentono di non farcela più da sole. Contemporaneamente, la figura dello psicologo non riesce ancora a uscire dal pregiudizio che la circonda, in base al quale rivolgersi a un professionista è uno stigma". È l'analisi di Laura Baccaro, presidente dell'associazione "Psicologo di strada" di Padova. L'associazione, che riunisce psicologi, mediatori linguistici e culturali, counsellor e operatori, volontari da anni si occupano di assistenza psicologica a migranti o a persone in difficoltà, a chiunque viva situazioni critiche dal punto di vista dell’inserimento e dell’integrazione nella società. Dal 2014 gestisce lo sportello stalking, un servizio alle vittime e a coloro che vengono accusati di questo reato. "La nostra attività rappresenta  una sorta di pronto soccorso per le persone che vivono in condizione di disagio relazionale, di solitudine e che hanno bisogno di ascolto e accompagnamento".

Lo sportello stalking è attivo da cinque anni. Nel 2017, ultimi dati a disposizione, si sono presentate per chiedere aiuto 35 persone, perlopiù italiane (71%), di cui la maggior parte inviate dalle forze dell'ordine. 37 anni l'età media degli utenti. In tutto sono stati 13 i casi stalking, di cui 2 di tipo condominiale. Altri 8 i casi arrivati allo sportello con problemi inerenti la migrazione. Si è poi presentato un caso di violenza domestica e uno di  accanimento mediatico.  Nei 13 casi di stalking, il presunto autore era ex partner (6 casi, di cui 2 ex partner convivente), coniuge  (1 caso), ma ci sono stati anche vicini di casa (2), amici (2), un conoscente. "Stiamo ancora finendo di elaborare i dati del 2018 - spiega la presidente Baccaro -, ma abbiamo notato un calo fisiologico rispetto all'anno precedente". Una diminuzione che Baccaro spiega così: "Quando è stato istituito il reato di stalking si pensava che potesse essere una risposta tutelante e immediata per le persone vittime, ma ne tempo si è visto che non era così. Lo stalking si è inserito, anche se non sempre in modo adeguato, nelle relazioni conflittuali dei maltrattamenti. Molte persone che si rivolgevano a noi avevano problemi poi condominiali, aspetto venuto a scemare grazie alla mediazione condominiale".

"Psicologo di strada" mette a disposizione la propria esperienza e competenza organizzando un corso per operatori di sportello di ascolto. Tre gli incontri: giovedì 21, 28 marzo e 4 aprile, dalle 15 alle 18 presso il Centro servizi volontariato in via Gradenigo 10 (Padova). Iscrizioni entro il 14 marzo, massimo numero di iscritti 25, contributo spese 30 euro.

Copyright Difesa del popolo (Tutti i diritti riservati)
Fonte: Redattore sociale