La tonaca di Don Camillo e i baffi di Peppone: il Mondo Piccolo ci parla ancora

La tonaca del curato e i baffi del sindaco, non serve altro per descrivere Don Camillo e Peppone, resi immortali dai film con Fernandel e Gino Cervi. E Brescello oggi è meta di viaggi da ogni angolo del mondo. Viaggio nella terra di Giovannino Guareschi, da Roncole Verdi fino a Brescello, per rivivere una fiaba senza tempo e ritrovare luoghi, personaggi, umori impressi indelebilmente nella storia del Novecento. «Mio padre era proprio come lo si legge nei suoi racconti».

La tonaca di Don Camillo e i baffi di Peppone: il Mondo Piccolo ci parla ancora
Una giacca da lavoro che ha visto giorni migliori, una lunga sciarpa amaranto e una camicia a quadretti che sbuca sotto al maglione. Alberto Guareschi lotta da solo, armato di saggina, contro l’autunno della Bassa che ha deciso di invadere l’ampio cortile della casa delle Roncole con un mare di foglie. I modi garbati, i lineamenti familiari e una voce inaspettatamente dolce per un uomo tutto d’un pezzo e ormai prossimo agli ottanta non possono trarre in inganno: è tutto suo padre Giovannino, solo senza baffi. E quella...

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.