Piero Benvenuti, commissario straordinario dell’Agenzia spaziale italiana: "Quel che conta è la relazione"

Piero Benvenuti, commissario straordinario dell’Agenzia spaziale italiana, racconta il suo impegno a ritessere quel dialogo tra scienza e fede tipico della tradizione umanistica che è stato reciso dal Novecento. Parte il 21 febbraio il nuovo corso di formazione promosso da Facoltà teologica del Triveneto e Università di Padova.

Piero Benvenuti, commissario straordinario dell’Agenzia spaziale italiana: "Quel che conta è la relazione"
È un fascino che non tramonta mai, quello delle stelle. Parola di Piero Benvenuti, coneglianese di origine, classe 1946, da qualche mese commissario straordinario dell’Agenzia spaziale italiana. La sua passione per le stelle è nata da ragazzino, dotato di una particolare propensione per la matematica e la fisica e attratto dal cielo, che osservava con un piccolo cannocchiale costruito da sé. Molte letture e qualche esperimento fatto in proprio, assieme ad alcuni incontri con astronomi, che nell’esplosione...

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.