Diocesi

La Chiesa di Padova fin dall’esordio della pandemia da Covid-19 ha investito energie e risorse impostando l’anno 2020-21 proprio intorno al tema dell’aiuto reciproco. In particolare il progetto La carità nel tempo della fragilità. Con gentilezza e fiducia ha voluto far risuonare nelle comunità la necessità di attivare quello stile e modo di essere proprio di una comunità cristiana, che pone al centro la carità come dimensione trasversale della vita parrocchiale.

Valentina Petri, insegnante di lettere all’istituto professionale Lombardi di Vercelli, racconta con stile frizzante temi e problemi della scuola senza edulcorarli, ma affrontandoli con intelligenza e ironia.

I giovani dell’UP alla Guizza stanno vivendo l’esperienza della meditazione giornaliera sui testi di Abramo; un modo per approfondire la preghiera durante la quaresima e rimanere uniti, in comunione spirituale. Comunione esaltata anche dal “tour della Madonna”, il passaggio di casa in casa dell’immagine della Vergine dal cuore d’oro che raffigura una statua custodita in chiesa e rimanda alla Madonna di Beauraing, in Belgio.

Oltre le polemiche! Simboli e richiami religiosi oggi è il tema di un incontro dibattito organizzato dall’Ufficio comunicazioni sociali della Diocesi di Padova, che andrà “in onda” mercoledì 24 marzo alle ore 20.45 sul canale Youtube della Diocesi di Padova (https://www.youtube.com/diocesipadova ) e sui profili facebook della Diocesi di Padova e del settimanale La Difesa del popolo.

A Carcelén Bajo e Luz y Vida i fidei donum della nostra Diocesi hanno fatto nascere e accompagnato alla piena maturazione delle strutture e delle iniziative le comunità parrocchiali di San Lucas Evangelista e Maria Estrella de la Evangelizaciòn fino alla “riconsegna” al clero locale. Il “modello padovano” ha saputo adattarsi senza forzature all’ambiente ecuadoriano

Dopo due anni di assenza, le suore sono tornate nella parrocchia di Semonzo. La congregazione delle Ancelle missionarie del Santissimo Sacramento ha accolto la richiesta del parroco don Manuel Fabris e ha inviato suor Flor Angela, suor Evelyn e suor Eleonora.