Fatti

Temperature sempre più alte e quindi siccità, incendi, ghiacciai che si sciolgono, aria irrespirabile. Ma non è solo l’ambiente a soffrire, anche noi umani subiamo questo caldo eccessivo e una ricerca dell’Università di Padova dimostra
che un gene attivato dall’innalzamento della temperatura altera la produzione degli spermatozoi fino a portare all’infertilità. 

Urne il 25 settembre. Le elezioni in autunno sono un problema per la legge di bilancio. E si aggiunge anche il Rosatellum con il taglio dei parlamentari

Il Governo rimarrà in carica per gli affari correnti fino alle prossime elezioni. I nodi da sciogliere su benzina, bollette, pensioni e bonus 200 euro. E sui 26 miliardi del Piano

Si intitola “Scaldando i cuori” la campagna solidale di Caritas Perù, per portare aiuto alle popolazioni della zona andina che in questo periodo dell’anno soffrono per le temperature molto basse. Il Governo peruviano ha dichiarato, infatti, lo stato di emergenza per 60 giorni di calendario in 191 distretti dei dipartimenti di Apurímac, Arequipa, Ayacucho, Cusco, Huancavelica, Junín, Moquegua, Puno e Tacna.

L’appello di Cipra Italia, Cirf, Club Alpino Italiano, Federazione Nazionale Pro Natura, Free Rivers Italia, Legambiente, Lipu, Mountain Wilderness e Wwf Italia. “La crisi climatica e la siccità non guardano in faccia a nessuno, neanche alla crisi politica. Servono interventi che mettano in campo una politica idrica che favorisca l’adattamento ai cambiamenti climatici. No a nuovi invasi estemporanei”

I dati Istat. Nel 2021 sono 2.875 i morti in incidenti stradali in Italia, 204.728 i feriti (+28,6%) e 151.875 gli incidenti stradali (+28,4%), valori tutti in crescita rispetto al 2020 ma ancora in diminuzione nel confronto con il 2019. Boom di incidenti con i monopattini elettrici. La guida troppo veloce è il comportamento più sanzionato. E’ ancora allarme giovani e bambini

Il presidente dell’Inail, Bettoni: “La ripresa delle attività produttive dopo la pandemia deve proseguire in accordo con l'esigenza primaria di garantire la salute e la sicurezza". Nel 2021 denunciati all'Inail poco più di 564 mila infortuni, in calo dell'1,4% rispetto all'anno precedente. Diminuzione dovuta esclusivamente alla contrazione dei contagi professionali da Covid. Le denunce di infortunio "tradizionale", invece, hanno registrato un aumento di circa il 20%