Diocesi

A Villa Immacolata è forte la presenza delle donne: le Collaboratrici apostoliche diocesane, ma anche le lavoratrici. Ecco tre esperienze della casa: quella di Maria Elisa Baccaglini, part time in cucina, con una formazione e passione per l'arte e il restauro. Le due strade qui possono intrecciarsi e arricchirsi. Silvia De Franceschi e Luisa Ruzza, entrambe Cad, una infermiera, l'altra medico, qui tornano come volontarie. 

L'annuncio. Il vescovo Claudio ha comunicato che la collaborazione con le Chiese del Paese latinoamericano si concluderà nella primavera del 2021. Si chiudono così 63 anni di fede e di vita condivisa che chiedono di guardare con coraggio al futuro. Poveri, comunità, fraternità sono tre parole chiave della presenza padovana, dall'Amazzonia alle Ande fino all'oceano 

Settant’anni. Il 16 luglio 1950 cominciavano i primi esercizi spirituali nella casa di spiritualità “sul colle”. Oggi, come allora, il desiderio che anima ogni iniziativa è lo stesso: far incontrare le persone con il Signore. «Questo è il centro: non vogliamo perderlo». "Villa Immacolata è “pane buono”: entrarvi e tornare a casa ci fa riappropriare del nostro essere veramente cristiani"

La storia di Villa Immacolata si intreccia, per ben 50 anni, con quella di Sante Poggese, classe 1949, arrivato nella casa il 19 marzo 1970 senza sapere cosa fosse una casa di spiritualità. Ma pian piano si è immerso nel clima, nel silenzio, nella preghiera, nella meditazione. Qui ha lavorato per 50 anni, ha vissuto e continua a essere presenza fissa e costante, un volto accogliente e rasserenante, due mani che si danno da fare per curare il giardino o fare altri piccoli servizi. È la memoria storica di questa oasi

Questa estate, è prevista la realizzazione di una sorta di incontri dei gruppi già costituiti, che occuperanno a giornate alterne il patronato: il gruppo dei ragazzi delle medie; quello dei giovanissimi; e quello degli  animatori.

Nella parrocchia di San Paolo in Padova l’attività estiva è all’insegna dello sport e del movimento: basket, calcio, pallavolo, frisbee, tennis, volano, tennistavolo, biliardino, giochi sportivi popolari, volley, teatro, laboratori e altro ancora.

Domani, sabato 11 luglio padre Marco Tasca riceverà, per le mani del cardinale Angelo Bagnasco, la consacrazione episcopale e farà il suo ingresso come arcivescovo metropolita della Chiesa genovese. La celebrazione si svolge alle ore 18 in Piazza della Vittoria a Genova e viene trasmessa in diretta tv sulle emittenti locali e per la rete nazionale su TelePace Verona, su TelePace 3 e in streaming sui siti diocesani genovesi e sul canale YouTube de "Il Cittadino".