Schermi

Dal 2 al 12 settembre è stata confermata al Lido la 77a Mostra del Cinema della Biennale di Venezia, sotto la presidenza di Roberto Cicutto (da poco nominato al posto di Paolo Baratta) e la direzione artistica di Alberto Barbera. Non sarà però un Festival autarchico, è stato chiarito in conferenza stampa: ci sarà sì tanta Italia, ma anche una nutrita presenza internazionale. Un cartellone composto da ben 62 film e 15 cortometraggi, 18 nella sezione concorso, dove figurano 4 italiani e 8 donne registe. Confermate poi le sezioni Orizzonti, Venice Virtual Reality e il mercato Venice Production Bridge. Venezia Classici, dedicata al cinema restaurato, si terrà invece in sinergia con il Cinema ritrovato della Cineteca di Bologna

Lunedì serata religiosa con i protagonisti della Bibbia e della Chiesa, il martedì la commedia, mercoledì il Rosario alle 21 e a seguire Papa Francesco con il Credo, venerdì dedicato alla medicina e ai documentari sociali e umanitari, il sabato i gialli di Agatha Christie e la serie tv americana ‘Una donna alla Casa Bianca’ e la domenica period drama con ‘Nord e sud’ e ‘Call the midwife’. Sono le prime e seconde serata di luglio in onda su Tv2000 (canale 28 e 157 Sky).

In attesa della riapertura delle sale cinematografiche, dopo l’emergenza Covid-19, le piattaforme in streaming a oggi continuano a rappresentare la frontiera per fruire delle principali novità su film e serie tv. È vero, c’è spesso un canone di abbonamento, ma i costi sono differenziati, il più delle volte modici oppure gratuiti, come nel caso del servizio pubblico Rai

Il regista racconta un progetto che risale al 2002 e che ora finalmente potrà vedere la luce grazie alla presenza di un produttore istituzionalizzato come Rai Cinema. Pupi Avati risponde  alle domande con entusiasmo: "Lo chiamo il film della mia vita perché ci sto dietro da diciotto anni. Non è una fiction, che mi sembra un format un po’ riduttivo. Pretendo una dignità e una qualità di qualcosa che rimane"