Una scuola, mille storie

Da mercoledì 16 a venerdì 19 marzo torna la Fiera Didacta Italia, il più importante appuntamento in Italia sull’innovazione della scuola in Italia, che quest'anno sarà interamente online. Sarà un'edizione ricca di novità, senza però allontanarsi dal sentiero che ha portato Fiera Didacta ad essere ad oggi un appuntamento imperdibile per esperti ed appassionati del settore scolastico.

Scuola, pronte le Ordinanze sugli Esami di Stato. Saranno inviate lunedì al Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione. Il Ministro Patrizio Bianchi: «Gli studenti avranno modo di esprimere quanto maturato nel corso degli anni di studio». Per il primo ciclo è prevista una prova orale a partire dalla discussione di un elaborato su una tematica che i Consigli di classe assegneranno entro il prossimo 7 maggio. Per le scuole superiori la sessione d’Esame avrà inizio il prossimo 16 giugno. L’Esame prevede un colloquio orale, a partire dalla presentazione di un elaborato che sarà assegnato dai Consigli di classe, sulla base del percorso svolto. L'argomento verrà assegnato entro il 30 aprile.

Parole O_Stili, nel giorno del suo quarto compleanno presenta un progetto per orientare i ragazzi alle professioni del futuro. Si chiama "MiAssumo" e vede la regia di Assitel, la collaborazione di altre imprese e il coinvolgimento di insegnanti, genitori e naturalmente degli studenti, fin dai primi anni delle scuole di secondo grado. Due gli assunti di base dell'iniziativa:  la reputazione web e l'alfabetizzazione digitale. 

#AncheIoInsegno: ecco un altro progetto per festeggiare il quarto compleanno del Manifesto della comunicazione non ostile, che cade il 17 febbraio. E' la piattaforma messa in campo da Parole O_Stili insieme al Ministero dell'Istruzione. Una piattaforma per insegnanti, educatori, genitori per affrontare temi quali il bullismo e cyberbullismo, fake news, diritti e doveri in rete, body shaming... Parole O_Stili lancia l’appello per l’introduzione di un’ora di cittadinanza digitale a settimana nelle scuole.

Nella giornata dedicata all'uso positivo di internet, l'indagine di Skuola.net rileva che 6 adolescenti su 10 dichiarano di passare più di 5 ore al giorno connessi (un anno fa erano 3 su 10). Uno su 5 si dichiara sempre connesso. Il 59% degli intervistati indica una crescita degli episodi di cyberbullismo negli ultimi mesi. La dad ha acutizzato le dinamiche perchè i fenomeni di bullismo si sono spostati online. Importante parlarne nelle scuole, a partire dalla primaria.Ma i progetti di prevenzione stentano ad arrivare, perchè manca la consapevolezza del reato, mancano le competenze e bisogna lavorare molto anche sull'empatia, la gestione delle emozioni. Unicef Italia lancia anche una guida per genitori. 

Polizia di Stato e Unieuro insieme per la lotta contro il cyberbullismo. Al Safer Internet Day, la giornata mondiale per la sicurezza in rete, sono attesi oltre 200 mila studenti, in diretta streaming per #cuoriconnessi, martedì 9 febbraio dalle ore 10.

Un manuale per districarsi nel complesso mondo della didattica a distanza. L'iniziativa realizzata nell'ambito di Bella Presenza, il progetto selezionato da Con i Bambini nell'ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

Presentato il progetto per il restauro e adeguamento del Liceo Artistico Selvatico, una scuola storica di Padova, nata come macello comunale, progettato da Giuseppe Jappelli nel 1818. Come “Regia Scuola Pietro Selvatico per le arti decorative e industriali” fu inaugurato il 13 novembre 1910 e subì diverse modifiche e ampliamenti negli anni. Gli interventi prevedono due fasi: il restauro dell’ex macello Jappelliano, il corpo storico del complesso per un importo complessivo di 4.975.000 euro e la ristrutturazione e adeguamento funzionale dell'ala est dell'Istituto Selvatico" per un importo di 3.500.000 euro. Alla fine verrà restituita non solo la scuola, ma anche un luogo culturale per la città di Padova. 

Firmato un Protocollo d'Intesa fra WeWorld, organizzazione italiana che difende i diritti di donne e bambini in 27 Paesi del mondo inclusa l'Italia e il Ministero dell'Istruzione con un duplice obiettivo: contrastare il fenomeno della dispersione scolastica e formativa e favorire un'educazione più inclusiva.

Secondo il nuovo rapporto Unicef/Wfp, 370 milioni di bambini nel mondo hanno perso in media il 40% dei pasti scolastici dalla chiusura delle scuole. Perdere pasti nutrienti a scuola sta minacciando il futuro di milioni di bambini fra i più poveri del mondo. La refezione scolastica non è solo vitale per assicurare nutrizione, crescita e sviluppo dei bambini, ma rappresenta anche un forte incentivo per i bambini, in particolare per le ragazze e coloro provenienti dalle comunità più povere e ai margini, a tornare a scuola quando non ci saranno più restrizioni.

Pubblicati i dati delle iscrizioni: seguono gli istituti tecnici, con il 30,3% delle iscrizioni, e i professionali, scelti dall'11,9% delle ragazze e dei ragazzi. In Veneto meno adesioni per i licei, preferenza per gli istituti tecnici.

La Giornata Mondiale dell'Educazione, 24 gennaio, quest'anno non può che occuparsi dei tanti bambini e ragazzi, 1,6 miliardi in tutto il mondo, che hanno vissuto la più grande interruzione dei sistemi educativi della storia. SOS Villaggi dei Bambini ricorda il suo impegno per i più fragili tra i giovani, quelli che vivono fuori dalla famiglia di origine, che l'Organizzazione sostiene nel percorso scolastico ma anche in quello della formazione continua e professionale, con un grande obiettivo: il loro benessere e la loro autonomia.

Gli effetti della pandemia da Covid-19 si sono fatti sentire pesantemente su tutto il sistema di educativo italiano limitando in modo allarmante il diritto all’istruzione, aggravando le disuguaglianze e creando situazioni di grave disagio tra la popolazione giovanile. Lo denuncia anche Sant’Egidio che ha realizzato una indagine, nell’ambito del progetto Valori in Circolo, selezionato da Con i Bambini all’interno del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. L’indagine ha preso avvio dall’esperienza diretta della Comunità che da diversi anni si occupa di sostegno scolastico nelle periferie con le “Scuole della Pace”. Insieme all'indagine la Comunità di Sant'Egidio lancia anche un decalogo da attuare nel breve medio tempo, per evitare che il bambino sia un cittadino dimenticato.

Prende avvio venerdì 22 gennaio alle ore 15 la quarta edizione di Nerd - Non è roba per donne? L'iniziativa dell'Università di Padova che ha l'obiettivo di avvicinare le studentesse degli ultimi anni della scuola secondaria di secondo grado all'informatica per sviluppare le loro competenze digitali e contribuire a ridurre il divario di genere nell'ambito delle materie STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics). Primo appuntamento, on line, con testimonianze di studentesse e giovani ricercatrici dell'Ateneo.

«La scuola produce un bene essenziale per la collettività: il futuro. Lo fa, formando i cittadini che quel futuro stanno già scrivendo. Solo una classe dirigente con un respiro corto può pensare che la didattica a distanza sia sufficiente per garantire la produzione di questo bene». E' quanto affermano i promotori dell'appello "Aprite le scuole!". Perchè la scuola non è solo didattica,ma anche luogo di apprendimento collaborativo, di relazioni e di esperienze.