Storie

Saranno almeno 60 mila gli studenti che tra quatto anni useranno il nuovo campus delle scienze sociali ed economiche previsto nell'area dell'ex caserma Piave in riviera Paleocapa. Il progetto vincente, elaborato dallo studio d’ingegneria Steam di Padova in collaborazione con l’archistar britannica David Chipperfield, ha coniugato a necessità di rispettare un contesto fortemente storicizzato con le nuove esigenze della città. In quest’area, fino ai primi anni dell’Ottocento, sorgevano il convento dei domenicani e la chiesa di Sant’Agostino, la più importante della città dopo la basilica del Santo. 

Atletica Foredil Macchine: ciò che contraddistingue il gruppo podistico, fondato nel 1987 a Sarmeola e poi "trasferitosi" a San Giorgio delle Pertiche, è un’attenzione al sociale molto ampia sia nelle finalità che nel raggio d’azione. La corsa si "coniuga" con il sostegno, insieme alla Caritas, delle famiglie bisognose del paese. Oppure con altre iniziative di solidarietà

Il 20 luglio 2019 sono trascorsi cinquant'anni da quando l’uomo è sbarcato sulla luna lasciando il mondo a bocca aperta. Il planetario di Padova celebra l’anniversario con eventi e spettacoli a tema, in programma dal 16 luglio durante la “Settimana della luna”. Le proiezioni, realizzate sulla grande cupola presente in via Cornaro, sono in tecnologia 8K e mostrano immagini nitide e sorprendenti di stelle, pianeti, lune, costellazioni. Oltre alla ricorrenza dello sbarco sulla luna, il planetario è sempre visitabile nel fine settimana, in cui vengono trasmessi spettacoli di circa un’ora e osservazioni esterne ai telescopi.

Liliana Louvier È stata un'europeista della prima ora, collaboratrice di Altiero Spinelli, padre fondatore dell'Ue. Fino alla morte, nel 2017, si è spesa al servizio del grande sogno dell’unione dei popoli europei

In un continuo temporale che abbraccia sette secoli, dagli affreschi del Trecento a oggi, Padova si impreziosisce di nuovi linguaggi artistici e stilistici grazie a diverti interventi di street art. Dalla Biennale "Super Walls" (con opere realizzate con vernice anti-smog) al murale di Vesod che dialoga con il Compianto all'interno della Cappella degli Scrovegni, l'arte urbana offre nuovi percorsi per scoprire la città e differenti quartieri

Il Fondo ambiente Italia ha inaugurato l'avvio dei lavori di recupero di malga Fontana secca in comune di Quero-Vas. La sfida è perpetuare la memoria della Grande guerra e della battaglia di monte Fontana Secca, del 1917, costata centinaia di vittime. Recupero voluto dal Fondo ambiente Italia nel territorio di Quero-Vas.

Come un’avvincente saga composta da più parti e atti, questa storia si lega con la rocambolesca avventura della campana di ghisa (raccontata sulla Difesa del Popolo nel mese di novembre) partita da Torreglia, passata dalla città del Santo e arrivata nel campo profughi di Erbil, in Iraq, dove padre Yako e gli altri sfollati hanno vissuto in attesa di ricostruire una nuova esistenza spazzata via dallo Stato islamico. Oggi sono tornati a vivere a Qaraqosh, hanno una chiesa tutta loro e dietro l'altare splendono cinque formelle di terracotta che rievocano la Trasfigurazione di Gesù. Un dono di una scultrice padovana e un nuovo avvincente viaggio 

Tutto è cominciato in piazza Insurrezione, a Padova, da un'intuizione di Arrigo Olivieri, che intitola alla moglie l'impresa. «Quando, nel 2016, Itala Pilsen è stata rilanciata abbiamo voluto rimanere il più possibile fedeli all’identità di quello che è un prodotto iconico di Padova, a cominciare dall’etichetta». Con 74 produttori aderenti ad Assobirra, il Veneto è la terza regione in Italia per imprese e  superfici coltivate.

Romano Doni, eroe per dovere e nella semplicità: nella sua Paluello, a Stra e a Padova con diversi appuntamenti, è stato ricordato il telegrafista del Regio Esercito italiano che intercettò, nel luglio del 1943, il messaggio che avvisava dell’imminente sbarco in Sicilia delle forze alleate: Doni non fu creduto dai superiori, ma si adoperò comunque per informare la popolazione di Racalmuto. 

Cosa si può fare impegnandosi attivamente, non lasciando spazio alle lamentele e alla pretesa che sia qualcun altro a risolvere i problemi? All'istituto alberghiero Pietro d'Abano, è la classe 4^DC a far da "lezione" con la nuova biblioteca realizzata da un loro progetto. Gestione dei costi, dei tempi e degli arredi per rendere funzionale uno spazio precedentemente angusto e in otto mesi, grazie all'entusiasmo coinvolgente di studenti, docenti e operatori scolastici, si può ammirare il frutto dei loro sforzi