Diocesi

In vista della Settimana santaAlcune indicazioni per le celebrazioni con il popolo. Concluso lo stato di emergenza, non sono più in vigore alcune regole determinate dalla pandemia. Le parrocchie sono invitate a celebrare in modo degno, ordinato e attento

Riconciliazione. Nell’approssimarsi della Pasqua, anche quest’anno viene concesso alle parrocchie – a causa della pandemia – di celebrare il rito nella “terza forma”, cioè con confessione e assoluzione generale. Invitando a prodigarsi per offrire ai fedeli la confessione individuale

Torna dopo tre anni in piazza delle Erbe a Padova la festa della Domenica delle Palme con l’Acr e il vescovo Claudio. L’ultima edizione in presenza risale, infatti, al 2019, dopodiché la pandemia ha trasformato in momenti on line, il tradizionale appuntamento che vedeva confluire a Padova migliaia di bambini e adolescenti da ogni punto della Diocesi.

Questo hanno sperimentato a Casa Madonnina dodici coppie che hanno concluso il loro itinerario in preparazione al matrimonio. Il ritiro si è concluso con un dono alle promesse spose da parte di Marzia Filipetto, che guida la casa di spiritualità di Fiesso d’Artico: qualche goccia di nardo profumato di Gerusalemme sul palmo della mano con il quale accarezzare il viso dei futuri mariti. «Gesti come perle preziose...»

Salboro. C’è un capitello dedicato a san Giuseppe, in via Fondà, che ricorda alcuni avvenimenti legati alla Seconda guerra mondiale. Se ne prendono cura alcuni residenti

“La pace contesa” è il titolo dell’appuntamento in diretta streaming venerdì 8 aprile alle 18.30, promosso dall’Ufficio delle comunicazioni sociali della Diocesi, scuola di Formazione all’impegno sociale e politico (Fisp) e Difesa del popolo. È possibile seguirlo sul sito e sul canale Youtube della Diocesi di Padova e sulla pagina Facebook della Difesa del popolo.