Diocesi

Centinaia di pasti, vestiti, cure mediche. «Ma il cuore sono le persone, attraverso i servizi arriviamo a loro». Le persone si devono sentire riconosciute e accolte, senza giudizi. Un sorriso, un “buon pranzo”, un “come stai?”. È tutto questo che crea un ambiente davvero umano

Non sono pochi 25 anni di cammino insieme! È il traguardo raggiunto dalle comunità che fanno parte dell’unità pastorale di Arsiè che in questi giorni festeggiano l’anniversario con momenti di preghiera comunitaria e passeggiate lungo i percorsi che uniscono le sette parrocchie: Arsiè, Fastro, Mellame, Primolano, Rivai, Rocca e S. Vito. Tra gli appuntamenti, c’è spazio anche per la cultura con una visita domenicale alla città di Vicenza e la partecipazione a un’opera lirica nel teatro olimpico. Tutto nello spirito di condivisione, così come ricorda il parroco, don Alberto Peron: «Mettere l’altro al primo posto perché l’altro sono io: Dio Padre ci ha fatto una famiglia sola, un corpo solo».

La comunità monastica benedettina di Praglia propone a sacerdoti, laici, religiose e religiosi un corso di esercizi residenziale dal titolo "Apocalisse. Rivelazione di Gesù, il Messia, morto, risorto e vivente in mezzo a noi". Il corso si terrà a Praglia dal 23 al 27 settembre. Per informazioni chiamare lo 049 9999322 /300, chiedendo di dom Walter Emanuele osb.

Dal 5 all’11 agosto si è tenuto un gemellaggio tra i giovani del vicariato di Dolo e quelli dell’arcidiocesi di Monreale. Durante la permanenza in Sicilia sono state approfondite alcune figure significative, primo fra tutti il beato Pino Puglisi, che attraverso la sua vita si è fatto veicolo per trasmettere la “buona novella” partendo dai più piccoli.